6 ORE DI ROMA

Una edizione numero 24 della 6 Ore di Roma straordinaria per Giorgio Sernagiotto, che assieme al suo compagno di squadra Roberto Lacorte ha centrato il secondo posto assoluto ed il successo nella Bronze Cup.
Un fine settimana, quello di Vallelunga, che per Sernagiotto era iniziato con il migliore responso nella seconda sessione di qualifica ed il secondo tempo assoluto nella prima sessione di prove ufficiali.
Semafori verdi della 6h di Roma alle 9:45 con pista bagnata in asciugamento. Bella partenza di Sernagiotto che, dopo la prima curva, aveva già preso il comando della gara. Il pilota veneto con un ritmo indiavolato ha continuato la sua performance fino al momento di ingresso della Safety Car che ha annullato il vantaggio di oltre 40 secondi accumulato nei primi 20 giri. Alla ripartenza Sernagiotto scatenato ha di nuovo riportato a un giro il vantaggio sulla Ferrari divisa dall’ex F.1 Giancarlo Fisichella, Marco Cioci e Piergiuseppe Perazzini.
L’intervento della seconda Safety Car è stato prontamente usato per il cambio volante con Lacorte. Al momento del pit stop un problema ad un perno della ruota posteriore sinistra ha fatto perdere oltre tre giri all’equipaggio del team Celadrin MSR Corse, compromettendo così la vittoria assoluta. Lacorte è rientrato in P6 e ha tenuto il passo gara delle prime posizioni riconsegnando la Tatuus PY012 al pilota veneto in P2. Il secondo stint di Sernagiotto ha confermato la sua eccellente prestazione della giornata, evidenziata anche dal giro più veloce della gara con 1:34:525 registrato nel primo stint.
“Ho fatto la prima parte della gara molto bene, portandomi in testa alla partenza. Avevamo un ottimo passo e da parte sua anche Roberto è stato bravo a tenere un buon ritmo. Sono complessivamente soddisfatto. Per me, questa era la seconda partecipazione alla 6 Ore, la prima che porto a termine. Davvero un bel risultato per me, per Lacorte e tutta la squadra, che confeziona al meglio questo epilogo di stagione ed è anche di ottimo auspicio per il prossimo anno”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *