ANDREA TONIOLO

Toniolo Andrea nasce il 15 giugno 1989, appassionato di sport fin da bambino inizia a giocare a calcio senza perdere tempo. Mantiene la passione calcistica per ben 13 anni fino a quando, nell’estate 2012 subisce un grave infortunio durante un torneo estivo. In seguito ad un’operazione scampata e ad un periodo di ferma forzata, a riabilitazione quasi ultimata un incidente motociclistico gli toglie tutte le speranze di recupero per la stagione in corso. Altra ferma obbligata ed altri mesi di stampelle, lo portano a riflettere sulle occasioni mancate in passato e alla voglia di rivalsa sulla sfortuna. A gennaio 2013 il puro desiderio di correre è talmente irrefrenabile che una grande motivazione si fa largo nella sua mente accendendo il bisogno di un’avventura; girare l’Italia di corsa. L’avventurosa idea lo porta a conoscere il suo attuale preparatore Simone Bortolotti, che dopo un primo incontro gli consiglia una gara come “banco di prova” date le sue condizioni fisiche ancora incerte. In 3 mesi di riabilitazione/preparazione si ritrova a correre la sua prima gara, il MAGRAID 100km nella steppa. Una gara a tappe sotto il sole cocente di giugno, all’interno dei letti sassosi dei fiumi Meduna e Cellina nelle zone di Cordenons (PN). Conclude la gara in 17° posizione su 200 partecipanti circa, di cui solo 150 hanno tagliato il traguardo. Le emozioni provate in gara saziano momentaneamente la sete di “impresa” e rimandano il coronamento del sogno, facendolo partecipare ad altre competizioni:
2013
– “Trail degli Eroi” (Monte Grappa), 47 km e 2500 metri di dislivello positivo, 17° posto;
– “Maddalena Urban Trail” (Brescia), 22 km, 18° posto;
2014
– “Soave-Bolca”, tappa del Campionato italiano Ultra Trail 45 km e 2500 m D+, 11° assoluto e 1° di categoria;
– “Magraid” (Cordenons), 100km, 5° assoluto di cui 3°nell’ultima tappa;
– “Ultra Trail degli Eroi” (Monte Grappa), 82 km e 4000 m D+, 8° assoluto;
Da qui il desiderio di realizzare il sogno di una grande avventura cambia forma; dal giro d’Italia passa ad un traguardo internazionale che lo porta a costruirsi un “carretto”, che gli fungerà da casa mobile per la sua prossima sfida. Infatti il 19 aprile 2015 partirà da Galliera Veneta e in completa autonomia raggiungerà Capo nord (Norvegia), percorrendo 4500 km totali circa, di cui 50 giornalieri di media. Il tutto durerà 4 mesi.