WILLIAMS ZANOTTO

Williams Zanotto, nato a Vicenza il 24 gennaio 1980.  La sua storia comincia molto presto, addirittura ancora prima di nascere. All’epoca, infatti, un caro amico di famiglia partecipava alle gare in salita e papà e mamma Zanotto andavano spesso a fare il tifo per lui a bordo strada. La passione cresce in lui anno dopo anno, come il sogno di salire su un auto da corsa. Nel 2008 riceve dall’amico Stefano una proposta irrinunciabile, quella di provare a correre con una BMW M3 preparata appositamente per le corse. Naturalmente mancava un budget per poter anche solo pensare di farlo, ma, rimboccatosi le maniche, Williams trova i fondi per farsi affidare il bolide. La prima gara fu una Regolarità Sport, nessun pensiero derivato dal cronometro ma tanto divertimento. Tornato a casa dopo la prima esperienza il sogno si era già tramutato in dipendenza.

Il 2009 è l’anno del debutto nei rally, anche se per una sola gara. Ronde del Grifo e una Peugeot 106 N2, auto perfetta per muovere i primi passi nelle prove speciali. Risultato discreto, quarto di classe su 12 equipaggi.

Nel 2010 ricomincia da dove era terminato l’anno precedente, Rally del Grifo, sempre Peugeot 106 N2 ma risultato migliore, terzo di classe. Quando sembrava che la stagione fosse finita con quella unica gara, arriva il fidato amico Stefano con un’altra irrinunciabile proposta, guidare una A112 Abarth appena finita di preparare. La vettura non è una semplice A112, ma proprio quella utilizzata da Vittorio Caneva ai tempi del Trofeo. Stefano vuole che sia Williams a portarla lungo le prove del Trofeo Abarth rinato dopo anni di esilio. Si comincia con il Campagnolo, terzo di Trofeo. Rally del Mugello, primo di Trofeo. In Williams cresce la consapevolezza di poter conquistare la vittoria finale, dopo aver vinto altre tre gare consecutive, un secondo posto e un’altra vittoria vinse il Trofeo Abarth.

Nel 2011 ritorna al moderno, Rally di Schio e Rally Città di Bassano con buoni risultati

Il 2012 una stagione tranquilla a causa del budget ridotto, ma segnata da due gare con altrettanti ritiri.

Stessa sorte nel 2013, tanti, troppi ritiri portano Williams a pensare ad un ritiro anticipato dal mondo delle corse. Ma non demorde. Prova a cambiare auto, una Renault Twingo R2. Alla prima gara un terzo posto di classe, è subito amore.

Il 2014 comincia sotto i migliori auspici, budget interessante e la consapevolezza di poter fare una buona stagione. Grazie all’ottimo feeling con la Twingo R2, decide di iscriversi al trofeo dedicato alla vettura. Il primo rally della stagione è il Benacus, condizioni meteo complicate ma un buon terzo posto finale di trofeo. Condizioni metereologiche complicate anche al Rally di Cremona, dove finisce al quarto posto del Trofeo Twingo. Purtroppo deve abbandonare per uno stop al budget, ma viene confermato il Rally Due Valli dove. Rally che segna una svolta epocale per Williams in quanto al posto del fidato fratello sul sedile di destra si siede Diana Simionato, la sua fidanzata. Risultato finale oltre ogni immaginazione, primi di classe R2 e ottavi assoluti.

La stagione 2015 è stata quella della partecipazione al Rallye di Sanremo assieme al fratello Thomas. Un sogno covato per lunghi anni resosi possibile grazie all’aiuto dei partners. Purtroppo Williams non riesce ad arrivare al palco d’arrivo della gara ligure a causa di un problema meccanico alla Renault Twingo R2B.
Chiusa la pratica Sanremo Zanotto partecipa al Rally Valli della Carnia, sempre su Renault Twingo R2B. Gara che si è rivelata positiva per Williams, navigato da Diana Simionato, riuscendo a ottenere all’arrivo un buon secondo posto di classe.
Quarta posizione di classe al Rally Città di Bassano su Renault Twingo R2B navigato da Diana Simionato. Conclude la stagione al 4° Jolly Rally.

Il 2016 è l’anno del suo ingresso nella scuderia Sport & Comunicazione.

WILLIAMS ZANOTTO 2016

WILLIAMS ZANOTTO 2016-beken per biografia_1

WILLIAMS ZANOTTO 2016_1