GIORGIO SERNAGIOTTO PUNTA SU IMOLA DOPO LO STOP DI SILVERSTONE

IL PILOTA TREVIGIANO PENSA SUBITO AL RISCATTO SULLA LIGIER-NISSAN LMP3 CONDOTTA ASSIEME A LACORTE E SCHIRÒ ALLA LUCE DEL RITIRO AL DEBUTTO NELLA ELMS 2016 PER UN INCONVENIENTE ALLE SOSPENSIONI

Giorgio Sernagiotto è già concentrato sulla prova casalinga dell’European Le Mans Series in programma il 15 maggio a Imola sul nuovo prototipo Ligier JS P3 di classe LMP3 con il quale sarà alla guida assieme al pisano Roberto Lacorte e al milanese Niccolò Schirò. Il 15-16 aprile il team veneto Villorba Corse ha vissuto un esordio 2016 competitivo nella serie endurance alla 4 Ore di Silverstone, ma il grande lavoro di tutta la squadra è stato vanificato da un inconveniente alla sospensione dopo nemmeno un’ora di gara. Il weekend d’apertura della ELMS era iniziato bene per la compagine tutta italiana, con il trio di piloti e la squadra che hanno svolto tutto quanto programmato nelle prove libere del venerdì e nelle qualifiche del sabato, pur dovendo fronteggiare condizioni meteo complesse tra pioggia, freddo e addirittura neve, caduta prima delle prove lo stesso sabato mattina. In gara, Sernagiotto, driver designato per il primo stint di guida nella 4 Ore, sull’asciutto ha imposto un ritmo all’altezza dei migliori risalendo fino al quarto posto di categoria e, in piena lotta per il podio, facendo anche segnare il secondo miglior tempo assoluto tra i prototipi LMP3. Il tutto fino al forzato stop del 20esimo giro dovuto al cedimento della sospensione posteriore sinistra della Ligier motorizzata V8 Nissan.

Giorgio-Silvertone 2016 (1)

Giorgio-Silvertone 2016 (2)

 

FOOTER SERNA 2016_OK